Facciamo un tuffo nel dark-web: cosa c’è oltre il tunnel?


Difficoltà articolo (0->10): 4

Requisiti: conoscenza e utilizzo di Tor.

Parliamo oggi di dark-web, quella parte poco conosciuta e usata del web, che spesso viene citata in articoli, trasmissioni televisive e libri, e negli ultimi anni è sempre più in voga. Ne sono esempio serie come Mr. Robot e CSI Cyber, dove si sprecano citazioni e riferimenti più o meno veritieri.

In questo articolo non prenderemo in analisi come ci possiamo collegare al dark-web, che cos’è Tor, quali sono le configurazioni corrette e cosa è possibile fare, ma piuttosto vedremo cosa c’è oltre questo famoso tunnel oscuro, quali informazioni possiamo trovare e come, e soprattutto se è un luogo veramente oscuro come viene descritto.

Se non siete pratici con il software Tor, rimando ad infiniti articoli presenti in rete, altrimenti ci dilunghiamo troppo ;-), ad esempio potete consultare uno dei seguenti link per approfondire l’argomento:

Detto ciò, passiamo subito all’azione, e colleghiamoci a Tor usando il relativo browser integrato. Bastano pochi secondi per stabilire la connessione, et voilà, siamo già all’interno del tunnel e ci viene dato anche il benvenuto!

Dunque, tutto carino per ora, tutto figo, ok, ma adesso cosa possiamo fare? Che cosa posso trovare davvero nel dark-web e come? Dove andiamo? Queste infatti sono le domande cruciali che tipicamente si pone chi per la prima volta si affaccia a questo nuovo mondo, perché a differenza del web classico, qui le informazioni non sono tipicamente indicizzate e la difficoltà più grande è riuscire a capire come muoversi. Sul web in chiaro, basta aprire la pagina di un motore di ricerca per sbizzarrirsi, e cercare tutto quello che desideriamo, ma qui è ben diverso.

Prima di iniziare ricordo che tutti i siti/servizi all’interno del dark-web riportano l’estensione .onion, a differenza delle canoniche it, com, …, del web classico. Ricordiamoci sempre che questi servizi (.onion appunto) non saranno visibili dal web classico (con qualche eccezione che poi vedremo :-)), mentre al contrario dall’interno di Tor sarà sempre possibile accedere al web classico.

Un buon punto di inizio all’interno della rete Tor sono i seguenti servizi (i link sono tutti attivi nel momento della stesura dell’articolo, ma cercherò di mantenere aggiornata la lista):

Passando alla pratica, prendiamo uno tra i più grandi black market, traderoute, e colleghiamoci al sito dopo esserci registrati. Facciamo attenzione che praticamente ogni black market, così come moltissimi altri servizi su Tor (forum, …), richiede una registrazione, la quale è spesso articolata in più fasi: la scelta di una password e/o di un PIN, captcha, fino ad arrivare alla richiesta di presentazione da parte di uno dei membri già attivi del servizio (in genere per siti contenenti materiale illegale, o forum di hacking). In questo modo, viene concesso l’accesso ad un servizio solo ad un utente realmente interessato a quell’argomento, o che ha dimostrato di avere un amico nella community (appunto forum).

Una volta collegati a traderoute, possiamo vedere la schermata del market, come fossimo tranquillamente su amazon o su ebay, e ogni oggetto in vendita ha associato un relativo venditore con tanto di feedback degli altri acquirenti.

Come possiamo vedere, la maggior parte del materiale è illegale, ad esempio possiamo acquistare account falsi o rubati, che con pochi euro ci restituiscono credenziali di accesso a servizi ben più costosi (es. Netflix):

Sul dark-web ogni forma di acquisto e pagamento viene fatta tramite monete virtuali (bitcoin, etherum, …) che permettono di mantenere la transazione completamente anonima.

Oltre ai black market, possiamo trovare “servizi” professionali di vario tipo, e di dubbia legalità, come ad esempio servizio hacking:

Una nota importante, e da non dimenticarsi mai, è che sul dark-web le frodi sono all’ordine del giorno, e sono molto più frequenti che sul web in chiaro, dunque dobbiamo prestare la massima attenzione a qualunque cosa facciamo. La motivazione è semplice: il grado di anonimità è tale che frodi e inganni di piccola entità resteranno con buona probabilità impuniti, e questo permette il dilagare di piccoli hacker in erba. Il motto “fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio” è più che azzeccato in questo caso :-).

Oltre a quello che abbiamo appena visto, non è troppo difficile reperire materiale che dovrebbe senza ombra di dubbio essere censurato, di tutto e di più. Se sul web classico padroneggia la pornografia, con numeri da capogiro in quanto a guadagni, sul dark-web troviamo la sua controparte del lato oscuro, la pedo-pornografia. A quest’ultima si affiancano siti, foto, e video di violenze, di gruppi estremisti, e tutto ciò che non può trovare posto sul web in chiaro. Cambiate canale prima di finire su pagine che “voi umani non potreste nemmeno immaginare”!

Volete un piccolo assaggio che posso pubblicare qui? Eccolo, un semplice forum Q&A, dove viene chiesto come potersi suicidare, con risposte serie e precise, come se si parlasse di argomenti scientifici e assolutamente normali. Da restare senza parole…

In definitiva cosa offre il dark-web e cosa non offre? Vediamo di trarre le nostre conclusioni:

  • per l’utente alle prime armi: niente, tranne la curiosità iniziale. Se sei in questa categoria, fatti pure un giro nel “tunnel” ma poi chiudi tutto e dimenticati della sua esistenza. Potresti finire in siti veramente pericolosi, o che non avresti voluto vedere. Potresti perdere il sonno per giorni, o potresti molto più facilmente perdere soldi con la speranza di fare qualche affare.
  • per l’utente medio: puoi trovare qualcosa di interessante, ma devi imparare a conoscere bene tutta la rete, come funzionano le criptovalute (Bitcoin, …), e come/dove è possibile fare qualche affare. Serve tempo da dedicarci, e voglia.
  • per l’utente esperto: avrai già voltato pagina e chiuso l’articolo, perché saprai già dove reperire le informazioni, e come muoverti. Sai già cosa cerchi ;-).

In definitiva, non usate Tor, a meno che non vi troviate in nazioni dove la libertà di navigazione è bloccata, e dove il dark-web può costituire non una rete dove reperire materiale illegale, ma una nuova frontiera per poter accedere al web classico, altrimenti bloccato senza l’uso di strumenti come Tor.

Il mio punto di vista…

roghan

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...