wargames

Lavorare nel settore “sicurezza informatica”

Da quando ho finito l’università e mi sono laureato ho iniziato seriamente ad interessarmi al settore della sicurezza in rete, o più in generale della sicurezza informatica. Non che prima non mi interessasse questo ambito, anzi, mi attirava molto il mondo un po’ underground degli hacker, degli worm e dei cavalli di troia, quello visto nei film in cui il ragazzino adolescente riesce in pochi attimi ad entrare in qualche mega computer della CIA. Il problema è che non avevo mai avuto veramente il tempo ma anche la voglia durante tutto il periodo universitario di interessarmi a questo mondo, dato che il carico di studio era davvero moooooooolto elevato! Solo con la tesi finale sono riuscito a scegliere un argomento che mi interessasse davvero (strumenti per l’anonimato in Rete), e da lì ho capito quale sarebbe stato il mio futuro :-D… Finita l’università ho deciso poi di cercare un master/corso che avesse come argomento principale proprio la sicurezza, ma data l’impossibilità di frequentare un master a Roma o Milano (quota dai 6000/7000 euro in su più i soldi necessari per vitto e alloggio!) ho optato per un corso disponibile a Firenze: il Cisco CCNA Security. […]

Continua a leggere

E’ utile avere una certificazione?

Da quando ho finito l’università, lo scorso aprile, mi sono messo alla ricerca per mesi di un corso/master sulla sicurezza che mi permettesse di mettere le basi per poter poi lavorare in questo settore. Mi sono informato presso amici e conoscenti, ho girato sul web ore ore e ore, e le opzioni che mi si sono presentate sono state queste:

* master organizzati dalle grandi università, come a Milano e Roma, della durata di un anno e in grado di fornire ottime conoscenze di base, ma dal costo non irrisorio (dai 5000 euro in su, anche fino a 10000). E’ da considerare anche il fatto che avrei dovuto studiare fuori sede, e dunque avrei dovuto sommare il costo di vitto e alloggio. Risultato: opzione scartata subito.
* stage, in modo da entrare velocemente nel mondo del lavoro e provare “con mano” cosa significa lavorare nella sicurezza. Il problema di questa opzione era che mi mancavano le basi per poterlo fare! Anche se è proprio lo scopo di uno stage quello di formare un giovane, però sono necessarie delle conoscenze di base, che la mia laurea purtroppo non mi ha fornito :-(. Se ad esempio si vuole diventare programmatori, e si pensa di fare uno stage in azienda come programmatore Java, saranno necessarie almeno alcune conoscenze sull’informatica e sulla programmazione in generale. Non si può guidare senza aver fatto alcune lezioni di guida…
* la terza opzione era quella di seguire un corso dalla cifra modica, e organizzato da quante scuola/università nella mia regione (la Toscana), per evitare i costi dovuti a vitto e alloggio. I corsi (in genere della durata di qualche mese, 3-6) che avevo trovato erano tutti di poche ore, coprivano aspetti generali sulla sicurezza (che si possono apprendere anche con un po’ di studio da autodidatta e con un po’ di buona volontà) e non rilasciavano alcun titolo. Quindi ho ripiegato su un corso che mi permettesse alla fine di ottenere una certificazione!
[…]