Pericolo hacker: è davvero così?

Alcuni giorni fa è stato trasmesso da Le Iene un video in cui veniva intervistato un giovane hacker, anzi nemmeno tanto giovane ;-). Anche se vi siete persi la puntata non preoccupatevi, su youtube si trova sempre tutto, eccolo. Nell’intervista l’hacker dice, e poi dimostra, quanto sia facile entrare nel pc di una qualunque persona, e dunque quanto sia facile poter rubare dati sensibili o altro ad ignari utenti. Il tipo afferma che non ha mai usato le password e i dati che ha recuperato per nessun motivo, ma sarà davvero così? Personalmente non gli credo, perché dice anche che impiega giorni se non mesi per pianificare un attacco! Quindi trascorre dei mesi a pensare ad un possibile attacco solo per puro divertimento?? Mah! Comunque, tornando allo scopo dell’articolo, il pericolo di essere attaccati è davvero così elevato come vogliono farci credere nel video? Nella realtà non è proprio così…
Per quanto riguarda i cracker, ossia gli hacker “cattivi” (che attaccano i pc e i sistemi non per divertimento o passione ma solo per scopo di lucro o peggio), si possono categorizzare in due tipologie:

* quelli che non vogliono attaccare una persona in particolare, e l’obiettivo è semplicemente attaccare qualcuno, come nel caso dei virus/worm/trojan trasmessi ad utenti sconosciuti tramite i software p2p
* quelli che invece prendono di mira una persona specifica (o un’azienda ad esempio), che conoscono, o comunque possono essere a conoscenza che questa persona ha dei dati che a loro potrebbe interessare. […]

Continua a leggere